Il gaming al centro delle strategie di marketing

Il gaming al centro delle strategie di marketing

L’ultima novità nei giochi di strategia da tavolo della Casa Editrice Demoelà di Genova è “Monferrato, fuma che ‘nduma!”, in distribuzione proprio in questi giorni.

Perfetto per amici e famiglie, è un modo divertente per viaggiare attraverso l’epico e il poetico Monferrato, tra le provincie di Alessandria e di Asti. Il gioco di società è stato ideato con i partner ATL Alexala, Bottega del Grignolino e Consorzio turistico Sistema Monferrato. Il gioco rientra tra le azioni di promozione del progetto ViA(E) che coinvolge attori pubblici e privati di Piemonte, Lombardia e Liguria.

Il tabellone di “Monferrato, fuma che ‘nduma!”  presenta località da visitare in un percorso, possibile e reale, inanellando uno dopo l’altro – partendo da Grazzano Badoglio e quindi dal mitico Aleramo, da cui ebbe origine il Monferrato – i comuni di Asti, Portacomaro, Cocconato, Moncalvo, Canelli, per attraversare poi la provincia di Alessandria passando da Vignale Monferrato, Cella Monte, Casale Monferrato, Tortona, Gavi, Novi Ligure, Alessandria, Valenza, Ovada, Acqui Terme, Bistagno e il Sacro Monte di Crea, e rientrare quindi in provincia di Asti e terminare il percorso con Fontanile, Nizza Monferrato, Agliano Terme, Costigliole d’Asti e Montiglio Monferrato.  Rivolto ai residenti e agli appassionati di quest’angolo di Piemonte, “Monferrato, fuma che ‘nduma!” – grazie ai contenuti divertenti e bonariamente provocatori delle carte e alle affascinanti illustrazioni – è un’occasione per conoscere meglio luoghi fantastici vestendo i panni di personaggi illustri e percorrendo le tracce di atleti che hanno fatto la storia del ciclismo. Ma è un’opportunità anche per il turista di acquisire informazioni e curiosità sul Monferrato in un modo originale e imparare, magari, a dire fuma che ‘nduma! Andiamo, insomma, in un territorio che si apre agli occhi del visitatore con enormi distese collinari e abbondanti vigneti dai quali si ottengono eccellenti vini, con boschi lussureggianti e secolari, con lunghi corsi d’acqua, antichi borghi e bellissimi castelli. Una terra fertile che delizia con una tradizione gastronomica apprezzata in tutto il mondo. Una terra generosa che ha tanto da offrire e da svelare. E non dimentichiamo che il Monferrato, è due volte UNESCO: per il Sistema dei Sacri Monti con Crea e, insieme a Langhe-Roero, per il paesaggio vitivinicolo, riconosciuto eccezionale per la sua capacità di interazione tra uomo e ambiente, di coltivazione della vite e di sviluppo della cultura gastronomica ed enologica a livello nazionale e internazionale.


Le carte “Fà che t’nabi” e “Va ben parei “ contengono dinamiche che ogni persona monferrina conosce: storie della tradizione, espressioni popolari, modi di dire e caratteristiche peculiari di ogni luogo, ed è possibile, inoltre, personalizzarne dieci. I soldi di “Monferrato, fuma che ‘nduma!”non potevano che chiamarsi Alerami e le banconote portare l’effige di grandi ciclisti, protagonisti di uno sport eroico e molto seguito in Monferrato: Giovanni Gerbi, soprannominato il “Diavolo Rosso”, i campionissimi Costante Girardengo e Fausto Coppi, e Luigi Malabrocca, la storica maglia nera del Giro d’Italia. Sarà per questo che si sente sovente usare l’espressione Pedala! come invito a muoversi, a non perdere tempo.

Il gioco è edito da Demoela, Ideato da Liana Pastorin, con le illustrazioni di Simone Murgia. E’ in distribuzione nelle librerie, enoteche e acquistabile on line: info@sistemamonferrato.it

Related Posts

Economia delle Relazioni

Economia delle Relazioni

Il sistema turistico diventa liquido

Il sistema turistico diventa liquido

Siglato l’accordo, il Distretto del benessere ViA(E) al ViA! Un potenziale di 7 milioni di turisti.

Siglato l’accordo, il Distretto del benessere ViA(E) al ViA! Un potenziale di 7 milioni di turisti.

L’Academy di OCA Osservatorio Cultura Accoglienza

L’Academy di OCA Osservatorio Cultura Accoglienza